La replica di 3 Italia, il sim lock è lecito

In poche parole, si risparmia sull’acquisto del prodotto ma si perde qualcosa sul fronte della libertà di utilizzo. A conti fatti, stando al notevole successo di pubblico di queste offerte, la limitazione non sembra aver minimamente infastidito i clienti 3 Italia. Su oltre sei milioni di acquirenti, non tutti hanno però rispettato gli accordi contrattuali, andando a sbloccare i telefonini grazie alla sempre puntuale collaborazione di internet, dove sono presenti software ed istruzioni per craccare il sim lock. Ed è a questo punto che scoppia la polemica. Protagonisti, naturalmente, 3 Italia e i clienti più indisciplinati. Il problema riguarderebbe addirittura 500mila italiani, tanto da costringere l’operatore ad adire per vie legali, prospettando anche l’ipotesi di un reato di tipo penale. Alcuni giorni fa, in merito alla decisione di un pubblico ministero milanese, Gianluca Braghò, di chiedere l’archiviazione di uno di questi procedimenti, il quotidiano online Repubblica.it ha pubblicato un articolo dal titolo "Tre non può bloccare i cellulari". Si parla di un "sospiro di sollievo", sia per i possessori di un telefonino craccato sia per coloro che procedono materialmente allo sblocco. La ragione? Il telefonino è di proprietà dell’utente e quindi non può violare qualcosa che è suo. Ovviamente, la dura replica di 3 Italia non si è fatta attendere: "l’articolo fornisce un quadro inesatto sul sim lock, il meccanismo utilizzato da 3 Italia per offrire videofonini a prezzi convenienti”. Secondo l’operatore, infatti, non è possibile sostenere che "Tre non può bloccare i cellulari", dato che quella del sim lock è un procedura assolutamente lecita, come conferma una delibera dell’Autorità per le Comunicazioni. "Il giornalista – si legge in una nota di 3 Italia – lascia intendere che una sentenza abbia dato il via libera allo sblocco: non esiste ad oggi alcuna sentenza, il pubblico ministero Braghò ha chiesto al giudice l’archiviazione (confermando per altro che lo sblocco rappresenta una violazione contrattuale), ma il giudice non ha ancora preso alcuna decisione". Inoltre, alcuni pm di altre procure ritengono esista il concreto rischio che lo sblocco sia penalmente perseguibile. Nel frattempo, 3 Italia assicura che continuerà ad offrire sul mercato videofonini sim locked, mantenendo quei prezzi altamente concorrenziali che hanno permesso una reale e rapida diffusione della tecnologia UMTS nella penisola.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > La replica di 3 Italia, il sim lock è lecito