Lady Condom: preservativo in rosa

Il preservativo femminile, alla cui sperimentazione ha collaborato anche l’Istituto Superiore di Sanità, rappresenta una novità assoluta, almeno per quel che riguarda l’Italia. Una nuova metodologia di contraccezione e di protezione da infezioni da Hiv e dalle altre malattie sessualmente trasmesse potrebbe presto trovare il suo impiego. Fernando Aiuti, presidente di Anlaids Onlus, ha infatti dichiarato: "Si rompe un tabù. E libera la donna". Ma che cos’è il "Lady Condom"? Com’è facile intuire dal nome, si tratta di un preservativo studiato appositamente per la donna e realizzato in poliuretano, un materiale già impiegata per i preservativi destinati a coloro che risultano allergici al latice di gomma. La differenza tra i comuni preservativi ed il "Lady Condom" consiste però nella maggiore sottigliezza di quest’ultimo, abbinata, peraltro, ad una ben più marcata resistenza rispetto a quella offerta dal lattice. Per quel che riguarda il funzionamento, il "Lady Condom" è composto da un "tubicino" con le due estremità fatte ad anello. Una di queste estremità è "sigillata", in modo tale da costituire una sorta di "serbatoio", lo stesso che permette al preservativo femminile di assolvere in pieno alla propria funzione di contraccettivo e di protezione da infezioni. Come evidenziato dai test, inoltre, il "Lady Condom" non sembra limitare la sensibilità, in quanto riesce a trasmettere il calore, non intaccando così le abituali sensazioni del rapporto. La mancanza di controindicazioni, salvo casi ancora non evidenziati, fa del "Lady Condom" un’utile alternativa al preservativo maschile.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Lady Condom: preservativo in rosa