L’affresco è un manifesto politico

L’opera potrebbe
infatti essere la prima rappresentazione per immagini di un messaggio di
propaganda politica. Il soggetto dell’affresco pare non essere molto diverso da
quelli di tante altre opere del periodo medioevale. L’immagine rappresentata è
quella di un grande “albero della fertilità”, dove però, al posto
dei frutti, sono stati dipinti venticinque organi sessuali maschili, differenti
per forme e dimensioni. Secondo Ferzoco, le donne che si trovano sotto la pianta
sarebbero streghe, impegnate nell’appendere i peni tagliati tra i rami. Sopra di
loro volteggiano cinque aquile nere imperiali. Tutto ciò potrebbe essere
interpretato come la prima rappresentazione grafica di un determinato programma
politico. “È un messaggio dei guelfi contro i ghibellini.
- spiega George Ferzoco – La fazione guelfa intendeva dire ai frequentatori
della fonte che se gli avversari fossero andati al potere, avrebbero diffuso
principi eretici, perversioni sessuali, stregonerie e guerra civile.”
L’affresco sarebbe quindi una precisa accusa di eresia rivolta guelfi ai ghibellini.
Se immagini di questo tipo possono risultare a noi difficilmente comprensibili,
se non addirittura oscene, in realtà nel duecento toscano queste erano simboli
precisi. “Allora erano perfettamente normali – dice lo studioso inglese – usare un fallo in un messaggio politico non era
scandaloso.” Lo studio completo è stato recentemente pubblicato su un
volume dell’Università di Leicester, dal titolo “Il Murale di Massa Marittima”,
il primo della collana “Toscana Studies”. Il libro è stato presentato
nei giorni scorsi a Londra, in occasione di una conferenza stampa all’Istituto italiano di cultura.
Fra i partecipanti all’incontro, George Ferzoco, direttore del centro, e il consigliere
Paolo
Marcheschi, in rappresentanza dell’Assemblea toscana, che da tempo collabora con l’università inglese.
“Questo è uno dei momenti importanti per comprendere quanto l’immagine positiva della Toscana sia diffusa
all’estero. – ha detto il consigliere regionale – Il migliore biglietto da visita della nostra regione sono la sua tradizione e la sua cultura, stimate in Europa e in tutto il
mondo.”

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > L’affresco è un manifesto politico