Legambiente: tracce di pesticidi in aumento

L’indagine di Legambiente ha, infatti evidenziato che i prodotti contaminati da uno o più residui di pesticidi sono passati dal 27,5 al 32,7%, un aumento che va di pari passo con quello dei campioni irregolari, saliti dall’1,2 all’1,5%. I prodotti senza tracce di molecole chimiche scendono così dal 71,3 al 65,8%."La normativa vigente ha portato ad un maggiore controllo delle sostanze attive impiegate nella produzione dei formulati e l’armonizzazione europea dei limiti massimi di residuo consentito (LMR), ha rappresentato un importante passo in avanti – ha dichiarato Vittorio Cogliati Dezza, presidente nazionale di Legambiente -. Il rapporto registra poi un lento ma graduale miglioramento rispetto agli anni passati, a testimonianza della maggiore attenzione da parte degli operatori agricoli alla salubrità dei cibi e alle richieste dei consumatori, sempre più favorevoli ai prodotti provenienti da un’agricoltura di qualità. Nonostante ciò, però, risulta ancora troppo alta la percentuale dei prodotti contaminati da uno o più tipi di pesticidi".

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Legambiente: tracce di pesticidi in aumento