Legame tra fumo passivo e SIDS

Alla clamorosa scoperta, pubblicata sulla rivista “Pediatrics”, si è giunti dopo l’analisi di oltre 40.000 documenti, che hanno dimostrato l’infondatezza delle precedenti conlusioni. L’accusa mossa alla società produttrice di sigarette riguarderebbe il fatto di “aver pagato gli scienziati per minimizzare il legame fra fumo passivo e SIDS”. I dati della ricerca, forse commissionata dalla Philip Morris, in controtendenza con quelle precedenti, comparvero poi in ben 19 riviste scientifiche tra il 1997 e il 2001. Per l’autore del nuovo studio, Stanton Glantz, direttore del Center for Tobacco Research Control dell’Università della California, la multinazionale del tabacco avrebbe dapprima cercato e finanziato un autore, per poi condizionarne la ricerca e suggerire alcuni rettifiche alle conclusioni finali. Tale “intervento” sarebbe così servito a svalutare i risultati degli studi precedenti, che già attribuivano al fumo passivo una grande influenza sulla SIDS. Oltre al Center for Tobacco Research Control dell’Università della California, hanno collaborato alla nuova ricerca i Centers for Disease Control di Atlanta

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Legame tra fumo passivo e SIDS