Lettera a Babbo Natale

Il Natale era Natale proprio come quello di oggi, con i regali, gli abeti, le palle, prima tra tutte quella su Babbo Natale. Eppure mi sembrava più Natale di ora. Badate, non mi riferisco ad una dimensione religiosa, dacchè la metafisica non è dominio consono a Jugo. Solo che quella atmosfera, quella eccitante percezione di un mistero incombente, quell’attesa della Festa per eccellenza, sono ricordi sempre più sbiaditi, lontani. Non è forse una sconfitta della maturità, l’incapacità di cogliere la straordinarietà dell’evento, di uscire, anche se solo per pochi giorni, dalla consuetudine e di godere del tempo e degli affetti? È solo uno dei tanti piagnistei senili di chi scrive o anche Voi, cari lettori di Jugo, provate analoghi rimpianti? Non sarete mica tra quelli che si vergognano di essere stati bambini e negano di aver mai creduto a Babbo Natale? Se lo siete peggio per Voi. In caso contrario avrei da proporre alcune idee inserire nella lista dei regali. Riprendiamoci il nostro Tempo. Riappropriamoci di quello spirito ludico, di quello stupore infantile e di quella meraviglia che il disincanto degli anni ci ha indebitamente sottratto. Per qualche giorno. Per qualche ora. Magari scriviamo anche una lettera di Natale piena di desideri e buoni propositi e spediamola al Polo Nord. Anzi, cari lettori, speditela qui al forum di Jugo che poi a recapitarla a B.N. ci pensiamo noi. Se volete comincio io con una missiva brevissima:
Caro Babbo Natale, Ti chiedo solo di esistere…
Post scriptum: Se ci sei puoi chiedere a quei cari ragazzi dello staff di Jugo che pubblichino presto il calendario delle modelle?.
Auguri e baci.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Lettera a Babbo Natale