Like A Prayer: il video che ha infranto le regole

Quello di infrangere le regole è, d’altronde, il "vizietto" storico di Madonna, come confermato dalle recenti esibizioni live del suo Confessions Tour. “Like A Prayer”, clip del brano che ha dato il nome al quarto album in studio dell’artista (1989), ha vinto il sondaggio sul video più controverso dopo un testa a testa con "Baby One More Time" di Britney Spears (secondo) e "Thriller" di Michael Jackson (terzo). Se con “Like A Prayer”, dove danza intorno a croci che bruciano, Madonna si è aggiudicata la posizione numero uno, con "Ray of Light" l’artista di Bay City si è inoltre portata a casa la quarta posizione e con "Vogue" la quinta.La top ten della trasgressione ha fatto quindi registrare, come era facile immaginare, uno strapotere di Madonna; ma chi altro c’è tra i primi dieci? Al sesto posto troviamo "Scream" di Michael e Janet Jackson, al settimo il più recente "Rock DJ" di Robbie Williams, all’ottavo "Call on Me" di Eric Prydz e al nono "Virtual Insanity" di Jamiroquai. Chiude la top ten, a sorpresa, il video di "Wannabe" delle Spice Girls… d’altra parte il sondaggio arriva dal Regno Unito.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Like A Prayer: il video che ha infranto le regole