L’imbroglio nel lenzuolo: torna la Cucinotta

Al cinema da venerdì 18 giugno, "L’imbroglio nel lenzuolo" ci riporta all’inizio del secolo scorso, al 1905, quando il cinematografo era la grande novità del momento, il miracolo a cui nessuno sapeva dare una spiegazione e che conquistava il Sud dell’Italia.Sta per iniziare una nuova epoca caratterizzata dal progresso e dalle nuove invenzioni. Le "sciantose" vengono spodestate dal loro ruolo di "femme fatale" per essere sostituite dalle "femmine finte" che sorridono suadenti e maliziose sul lenzuolo, le biblioteche chiudono, i teatri perdono i loro spettatori. Ogni sera in teatro accorrono migliaia di spettatori per assistere alle prime proiezioni: "Quei piccoli raggi di luce che portano la vita sopra a un lenzuolo".Anche Federico ne rimane affascinato. Guardando le immagini tremolanti che scorrono sul lenzuolo, il ragazzo intuisce la vera magia di questa nuova invenzione. Si rende conto che il cinematografo dà l’immortalità, sconfigge la morte, cosa che la medicina non è in grado di fare. Decide così di abbandonare gli studi di medicina, con gran dolore di sua madre Alma che, per sbarcare il lunario, suona il pianoforte durante le proiezioni delle prime pellicole mute nel teatro di Don Gennarino Pecoraro.Don Gennarino, libidinoso produttore di origine partenopea, stanco di proiettare le pellicole degli altri, confida a Federico, di voler produrre il suo primo film. Il ragazzo ha un lampo di genio: si improvvisa direttore di scena e lo convince ad affidargli l’incarico di scrivere una nuova storia, che secondo le richieste di Don Gennarino dovrà avere come protagonista una bella femmina con le "zizze" enormi mentre secondo la sorella di Don Gennarino, Elena, puritana e bigotta, dovrà essere una storia edificante. La storia scelta è quella biblica de "La Casta Susanna". Federico porterà confusione e sconquasso nell’affascinante vita di Beatrice, scrittrice e giornalista torinese, trasferitasi in Sicilia in una meravigliosa villa sulle rive di un piccolo lago, per scrivere una storia a puntate sul quotidiano locale, l’Osservatore del Sud. Inoltre porterà scandalo e vergogna nell’esistenza di Marianna, protagonista inconsapevole del film. Una bellezza selvaggia, povera ed analfabeta, che si guadagna da vivere togliendo il malocchio e curando i paesani con erbe e pozioni medicamentose.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > L’imbroglio nel lenzuolo: torna la Cucinotta