L’impatto delle malattie non trasmissibili

malattie_jugo.it

L‘Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha riferito che questo gruppo di malattie croniche costituiscono la maggior causa di mortalità in tutto il mondo e tra queste le più diffuse sono: ildiabete, le malattie cardiovascolari, il cancro e le patologie croniche respiratorie (asma e bronchite cronica ostruttiva). Negli ultimi decenni un altro rischio considerato a tutti gli effetti malattia è l’obesità.

Tutte queste patologie hanno un elemento in comune: si possono prevenire cambiando stile di vita. L’abitudine al consumo eccessivo di alcol, al fumo e l’attività fisica poco praticata, portano ad un quadro sconcertante e l’impatto socioeconomico sui singoli Paesi a basso e medio reddito è devastante. L’unica arma in mano alle organizzazioni sanitarie è la prevenzione, lacomunicazione sociale e la formazione degli operatori sanitari.

Ogni anno a causa del tabacco muoiono circa 6 milioni di persone, 2 milioni per consumo eccessivo di alcol che aumenta il rischio di cancro, malattie cardiovascolari, cirrosi epatica e, per una insufficiente attività fisica c’è il rischio di ipertensione, diabete, tumore al seno, al colon e depressione. Il sovrappeso e l’obesità aumentano il rischio di ictus, malattie cardiache e diabete. La sedentarietà e l’abuso di cibi ipercalorici a basso contenuto nutritivo (cibo spazzatura) completano il quadro di quanto sia pericoloso non capire che queste pessime abitudini devono essere eliminate dal nostro vivere quotidiano per farci riscoprire, con un atteggiamento sobrio, il valore e le positive conseguenze del vivere sano.

Parlando di dieta la più imitata è sicuramente quella “mediterranea” basata su pasta, pane integrale, legumi, olio d’oliva, zuccheri non raffinati, vegetali,  pesce,  frutta e, adottando naturalmente un regime moderato con l’abolizione nei nostri piatti di super porzioni prendendo in seria considerazione la prospettiva di smettere di supernutrirci.

Secondo uno studio svedese del Karolinska Institute essere attivi e con uno stile di vita sano conducendo una vita sociale ricca, nuotare, camminare e fare ginnastica con costanza, offre la prospettiva di allungare la vita e ci aiuta a riflettere sul detto:  “non è mai troppo tardi per prendersi cura della nostra salute”.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > L’impatto delle malattie non trasmissibili