Lisbona: forza e calore della storia

Iniziamo dal simbolo della capitale portoghese: la Torre di Belèm. Fu eretta negli ultimi cinque anni del regno di Dom Manuel (1515-1520) ed, insieme al vicino Mosteiro dos Jerònimos, rappresenta l’unica costruzione interamente in stile manuelino, anche perché tutte le altre sono adattamenti di strutture preesistenti o completamenti di anni successivi.
Il Monastero è magnifico. La chiesa con le sue decorazioni intricate rivela l’influenza dello stile spagnolo in voga a quel tempo. Lo straordinario senso dello spazio che si respira al suo interno ne fa un indiscusso trionfo dello stile gotico. Meraviglioso il modo in cui le decorazioni si fondono con naturalezza alla struttura stessa creando un senso d’equilibrio sorprendente.Da non perdere il chiostro interamente a volte decorato con fantasie che assomigliano a dei merletti. Il vicino Monumento alle Scoperte celebra il 500esimo anniversario della morte di Enrico il Navigatore. Consigliato ammirare dalla sua sommità la Torre di Belèm e lo scorrere del Tejo con il Ponte 25 de Abril in distanza. Senza dimenticare che Lisbona è anche magia e divertimento…Cerca un hotel a Lisbona. Prenoti online, paghi a destinazioneAndrea Lanari

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Lisbona: forza e calore della storia