L’Italia corre sulle autostrade digitali

In soldoni, questo si traduce in un fatturato
record di circa 1,8 miliardi di euro. Entrando nel dettaglio, le famiglie con
accessi a banda larga sono 4,1 milioni (il 19% delle 22,2 milioni di famiglie italiane), raggiungendo la soglia della metà delle case che utilizzano Internet.
Nel contesto domestico, inoltre, la possibilità di fruire di servizi televisivi
digitali e del video on demand rappresenta un ulteriore volano che sarà sempre
più rilevante per la crescita della banda larga nelle famiglie. Il rapporto
realizzato dall’Osservatorio Banda Larga, mette in luce anche gli interessi
delle famiglie italiane per i servizi in rete, che rimangono incentrati sugli
aspetti funzionali e individuali (servizi pubblica utilità, comfort), anche se
cresce l’attenzione ai servizi di intrattenimento e comunicazione. Lo sviluppo
della banda larga appare quindi sempre più legato a processi di convergenza tra
apparati (PC-TV), piattaforme (TLC-Broadcasting, VoIP), modelli di business
(consumo/flat, pay/free). Bene anche le imprese italiane, dove ad adottare una
connessione veloce è il 37% su 4 milioni, così come la Pubblica Amministrazione,
che sale al 61%. L’Osservatorio Banda Larga prevede, per i prossimi 12 mesi,
un’ulteriore crescita degli accessi banda larga, che dovrebbe attestarsi intorno ai 1,5 milioni, superando in questo modo
la soglia dei 7 milioni a metà del 2006.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > L’Italia corre sulle autostrade digitali