Loghi e suonerie: l’UE fa pulizia sul Web

Il risultato dell’operazione si è tradotto in 54 siti chiusi e altri 159 "ripuliti", vale a dire costretti a correggere pratiche contrarie alla normativa dell’UE a tutela dei consumatori. Per quanto riguarda l’Italia, nove i fornitori di contenuti e operatori di telefonia mobile multati per un valore complessivo di 2 milioni di euro.I siti figuravano tra i 558 inizialmente sottoposti a verifica nel corso di una settimana nel giugno 2008: un’operazione condotta contemporaneamente nei 27 paesi dell’UE, più Norvegia e Islanda. Si tratta di siti che vendono contenuti per cellulari, come suonerie, sfondi, logo, giochi e abbonamenti a servizi di chat. Austria, Ungheria e Romania hanno registrato il maggior numero di siti in violazione della normativa a tutela dei consumatori: 21 per ciascun paese. Francia e Lituania ne contavano 20, seguite da Belgio, Norvegia e Paesi Bassi, rispettivamente con 18, 17 e 16.L’indagine è scattata a seguito di centinaia di reclami, soprattutto da parte di genitori che si sono ritrovati con bollette telefoniche astronomiche perché i figli si erano inconsapevolmente abbonati ad una suoneria o un altro servizio. "Molti di questi siti – spiega la nota diffusa dall’UE – prendono infatti di mira i giovani.L’indagine è stata la seconda azione condotta insieme dalle autorità nazionali di tutta Europa. Nel 2007 15 paesi dell’UE e la Norvegia hanno condotto un’indagine analoga sui siti che vendono biglietti aerei. Il commissario europeo per i Consumatori Meglena Kuneva ha confermato che ne seguiranno altre.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Loghi e suonerie: l’UE fa pulizia sul Web