Lorenzo dichiara amore all’Italia e definisce Monti un idraulico

I fan lo amano e i colleghi lo ammirano per la sua capacità di affrontare temi importanti con la leggerezza di un eterno Peter Pan della musica italiana. Lorenzo Jovanotti questo lo sa e non si spaventa nemmeno di fronte ad un’intervista che esula dal mondo delle note per affrontare un discorso più ampio, quello dell’italianità. In occasione del ritorno di Jova dal mini tour americano, è il settimanale “Oggi” a sondare il patriottismo del cantante che risponde deciso: “Noi siamo fortunati a essere italiani e io ne vado orgoglioso”.

Parole d’amore che Lorenzo Cherubini, in arte Jovanotti, così motiva: “Mi commuove l’Italia, mi emoziona, le voglio bene. È il Paese che mi ha dato tutto. Mi ha dato la mia cultura, mi ha dato quello che sono. Mi ha dato i miei sentimenti, l’amore per la mia famiglia, mi ha dato una storia meravigliosa, una cultura antica, moderna, una letteratura meravigliosa, mi ha dato una lingua che mi rende orgoglioso”.

Dopo tanto amore, non manca una bacchettata alla politica: “Sembra che la nostra politica, questa cosa, non la prenda in considerazione e continui a pensare all’Italia come un luogo degli italiani – avverte Lorenzo -. Ma l’Italia è del mondo, non è degli italiani, è un grande patrimonio dell’umanità. Partendo da lì si riprogetta il futuro”.

Dopo aver tessuto le lodi del Made in Italy, passando in rassegna alcuni dei marchi più prestigiosi della moda e dell’automobilismo, il cantante prosegue: “Se dici solamente Italia, la gente si illumina. Io vado in giro per il mondo e dico ‘Sono italiano!’, la gente mi sorride subito. Non succede ad altre nazionalità. Questa cosa noi dobbiamo tenerla in considerazione. È da lì che si riparte”.

In vena di formule per la ripresa, Lorenzo ci svela un piccolo segreto che, a ben vedere, sarebbe utile a tutti: “Una massima che cerco di tenere nel cuore è ‘non lamentarsi mai’. Bisogna trovare sempre un modo per capire come uscire dalle situazioni senza lamentarsi, perché il lamento poi diventa un vizio”.

Anche parlando del premier Mario Monti, con le sua ondata di riforme, Jovanotti non si abbandona a quelle che sarebbero inutili lagne e usa una metafora: “È un po’ come quando ti si rompe un tubo in casa: hai bisogno dell’idraulico, in quel caso lì. Non è che puoi discutere che tubo mettiamo, no, prima mettiamo un tubo”. E spiega: “Penso che il governo Monti stia facendo un passaggio fondamentale. C’è bisogno di prendere decisioni che, probabilmente, la politica che cerca un consenso non avrebbe potuto prendere”

Sempre nell’intervista per il nuovo numero di “Oggi”, Lorenzo Jovanotti parla di un ritorno “alla politica fatta di democrazia, di gente che si incontra”, ma auspica anche un ricambio generazionale tra i politici. Critica Berlusconi e il centrosinistra, spiega di vedere persone interessanti sia a destra che a sinistra, e dice: “È importante e necessario recuperare la politica visionaria, di idea del mondo – spiega il cantante -. Non solamente un’idea economica, ma di immaginazione. È un passaggio delicato non solo per l’Italia, ma per l’Europa e tutto l’Occidente”.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Lorenzo dichiara amore all’Italia e definisce Monti un idraulico