Lucas Cranach alla Galleria Borghese

La mostra intende dare un’immagine complessiva della produzione artistica del pittore rinascimentale, artista di corte e innovatore, legato alle tradizioni fiamminghe ma contaminato anche dalle novità figurative italiane. Curata dal Prof. Bernard Aikema, storico dell’arte tra i massimi studiosi dell’artista tedesco, e da Anna Coliva, Direttrice della Galleria Borghese, la mostra presenta circa 45 opere pittoriche fra le più significative di Cranach, provvenienti dalle massime collezioni pubbliche e private, europee e statunitensi, alcune praticamente per la prima volta fuori della loro sede.

Circa dieci xilografie dimostrano la incredibile virtuosità e inventività del Cranach nel medium grafico.La mostra intende affrontare e approfondire una questione rimasta tuttora aperta, ovvero il rapporto fra l’opera di Cranach e l’arte rinascimentale italiana dell’epoca. Mentre è chiaro, da una parte, che il canone artistico di Cranach si sviluppa in maniera fondamentalmente diversa, quasi antitetica alla norma classicheggiante “italiana”, si nota dall’altra, un’innegabile convergenza iconografica e semantica fra la resa di alcuni soggetti di Cranach e quelli invece di pittori italiani come Bartolomeo Veneto, Francesco Francia, Bachiacca, Perugino, Vincenzo Catena, Palma il Vecchio, Andrea Solario, Lorenzo Lotto e Jacopo de’ Barbari, suo predecessore come pittore alla corte di Federico il Saggio.

L’incontro “epocale” fra Tiziano, massimo ritrattista degli Asburgo, e Cranach, pittore di corte di ben tre successivi elettori della Sassonia, sottolinea le differenze piuttosto che le somiglianze, ma invita ad ulteriori considerazioni sui concetti ritrattistici dei due maestri. Alcuni esempi che illustrano i rapporti complessi, per così dire dialettici, fra Cranach e il mondo pittorico italiano verranno presentati in mostra, con opere pittoriche significative della collezione della Galleria Borghese mentre un numero di ulteriori opere di confronto arriveranno da altre collezioni sia dall’Italia che dall’estero (Lorenzo Lotto, Cima da Conegliano, Tiziano).

La mostra dunque intende offrire una visione complessiva della variegata attività artistica di Lucas Cranach, con delle novità importanti sul piano della lettura critica e contestuale. A tale proposito, per il catalogo, oltre ai curatori è stata assicurata la collaborazione di alcuni dei massimi esperti internazionali in materia.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Lucas Cranach alla Galleria Borghese