L’ultimo crodino, per Tognazzi e Iacchetti

La location è la bassa Val di Susa, dove gli inverni sono lunghi e a volte non passano mai. Paesini piccoli, incorniciati dalle montagne e dalle fabbriche. E tanti piccoli bar, ultima spiaggia per fuggire dalla noia e dalla monotonia di un quotidiano sempre uguale a se stesso.La storia è ispirata a un fatto di cronaca nera realmente accaduto in questa valle e che al tempo riempì le cronache dei giornali e della televisione. La scintilla iniziale nasce in un piccolo bar quando due onesti lavoratori, benvoluti da tutto il paese ma assillati dai debiti e dal futuro, decidono di dare una svolta alla loro vita. E di tentare una fuga da quella valle che non sopportano più.Decidono di organizzare un rapimento. Ma siccome non se la sentono di rapire "un vivo" e visto che la violenza non è proprio nelle loro corde decidono di rapire "un morto". Ma non uno qualsiasi bensì "uno di quelli importanti".E così da un piccolo bar di provincia un operaio delle acciaierie (soprannominato Pes) e un autista di furgoni (soprannominato Crodino) partono per la loro mission impossible: trafugare la salma di Enrico Cuccia e chiedere il riscatto alla famiglia del potente finanziere.Crodino si improvvisa la mente e Pes il braccio. E in questa folle avventura ne combinano di tutti i colori… "L’ultimo crodino" arriva al cinema venerdì 20 marzo.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > L’ultimo crodino, per Tognazzi e Iacchetti