Luttazzi in musica: Money for dope

Il titolo del Cd è tratto da uno dei brani della tracklist, “Money for dope” nasce infatti nel 1979 quando Daniele Fabbri ( il vero nome di Luttazzi) ed il suo gruppo di allora, gli “ze Endoten control’s”, la scrissero in ricordo di un amica prematuramente scomparsa. La canzone sarà anche il primo singolo estratto di un album ben arrangiato da Massimo Nunzi. Intimista, un diario dell’adolescenza e della scoperta di ciò che rende uomini, con i tratti ironici e tristi che si alternano nell’età in cui matura la consapevolezza della vita. E’ questo “Money for dope”, un Cd di dieci canzoni composto, oltre che dalla title track, da: “Vienna, Vienna”, “Something fantastic”, “Make your mother sigh”, “Easy to be fooled”, “Guard my tongue”, “Doom”, “I can’t stand it” e “Letters on fire”. Ad aprire l’album c’è “Silence”, che introduce la vicenda “The girl was spectacularly lovely” e risuona come il trend del periodo in cui fu composta, a cavallo tra il ’78 ed il ’79, quando la new-wave era in voga più che mai. “Vienna, Vienna” richiama invece l’incontro dei due ragazzi durante una gita del Liceo, mentre in “Something fantastic” è descritta una delirante vicenda accaduta alla protagonista della track. Per “Make your mother sigh” il tema portante è la seduzione ed il rompere gli schemi. “Easy to be fooled” poi è il racconto del periodo e del suo lato più oscuro, descritto con la psicologia di chi fa finta di niente, mentre “Guard my tongue” tratta dei sensi di colpa del day-after. In “Doom” c’è qualcosa che cambia, la droga si impossessa della protagonista e la sottrae alla sua vita, sino “I can’t stand it”, dove l’ironia nera della dance anni 80 suona come qualcosa di irriverente per la situazione. “Letters on fire” è il distacco doloroso dall’amore e dai ricordi, graffiato da una chitarra elettrica e che conduce sino alla conclusione di “Money for dope”, uno sguardo distaccato alla vita borghese. Un Daniele Luttazzi inatteso ci propone un album intenso e personale, nei negozi dal 21 gennaio 2005.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Luttazzi in musica: Money for dope