Mangiare bene a scuola per crescere sani

Il documento servirà a fornire agli operatori delle mense utili informazioni su come predisporre un pasto adeguato agli specifici fabbisogni di ogni età, educando il bambino all’acquisizione di abitudini alimentari corrette. Tra i punti cardine delle Linee guida, l’elaborazione di menù secondo i principi di una alimentazione equilibrata dal punto di vista nutrizionale ma anche considerando la varietà e la stagionalità dei cibi, utilizzando anche proposte di alimenti tipici della regione di residenza, per insegnare ai bambini il mantenimento delle tradizioni.Si comincia così con le calorie che devono soddisfare il 35% del fabbisogno giornaliero, ovvero 440 – 640 per la Scuola dell’infanzia, 520 – 810 per la Scuola primaria e 700 – 830 per Scuola secondaria di primo grado. Tralasciando gli specifici apporti di energia, nutrienti e fibra, scopriamo che una porzione di frutta e vegetali dovrebbe esserci ogni giorno, così come i cereali e il pane. Legumi, Carni e pesce andrebbero consumati 1-2 volte a settimana ciascuno, mentre le patate da 0-1 a volta. Una volta a settimana devono esserci poi l’uovo e i formaggi, per poi passare alle 2 volte al mese per i salumi. Una volta a settimana, infine, per il piatto unico (pizza, lasagne, ecc.).

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Mangiare bene a scuola per crescere sani