Mare Monstrum 2008: un mare di cemento

Ciò che per primo emerge è il cemento quale maggior nemico delle coste, con cinque reati al giorno di maladepurazione. Indipendentemente dalla tipologia, le costruzioni illegali sul demanio marittimo sono in cima alla lista dei mali del Mare Nostrum: nel 2007 intorno al ciclo del mattone selvaggio si sono registrate quasi 4.000 infrazioni e sono scattati 1.399 sequestri e 5.066 denunce.Considerando anche le altre voci (inquinamento, depurazione, pesca di frodo, infrazioni al codice della navigazione) nel 2007 i reati ai danni del mare e delle coste italiane sono stati 14.315, quasi 2 infrazioni a chilometro lungo i 7.400 di costa del Belpaese.Diminuite rispetto all’anno precedente, (erano 19.063 nel 2006), vedono triplicare però il numero dei "colpevoli" (+276,8%) e salire lievemente anche i sequestri (+2,9%). A guidare la classifica regionale è la Campania, con 2.355 infrazioni accertate dalle Forze dell’ordine e dalle Capitanerie di Porto, seguita dalla Puglia con 2.184 e dalla Sicilia con 2.039 casi.Segnaliamo infine che, insieme alla presentazione di Mare Monstrum 2008, Legambiente ha inoltre salutato la partenza di Goletta Verde.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Mare Monstrum 2008: un mare di cemento