Mastercard: 40mln carte a rischio

Si tratta di un problema già segnalato lo scorso maggio, ma che oggi torna a far tremare i numerosi clienti Mastercard, la seconda società di carte di credito a livello mondiale. Già lo scorso 22 maggio era infatti stato rilevato un bug inerente alle transazioni di tipo informatico. A scoprirlo fu la CardSystems, un operatore associato a Mastercard, che informò l’FBI dei problemi di sicurezza riscontrati. A quanto sembra però, Mastercard non è riuscita ad agire per tempo, tanto che ancora oggi persistono tali bug di sistema. Secondo gli esperti, sfruttando tali falle informatiche, potrebbero essere state violate alcune informazioni finanziarie e personali dei clienti, ma non ancora il codice di sicurezza sociale. Un problema, quello di Mastercard, che non rappresenta comunque un fatto isolato. Già altre due importanti banche, negli ultimi mesi, hanno infatti registrato problemi analoghi nei loro sistemi di gestione dei dati personali dei clienti. Per Elio Lannutti, presidente dell’associazione in difesa degli utenti dei servizi bancari e finanziari (Adusbef), quello delle frodi delle carte di credito è un problema sino ad ora sottovalutato. Secondo Lanutti, infatti, “si parla di frode solo nei casi in cui gli utilizzi illegali diventano fatti di cronaca e si dimentica la norma di una rete che non è esente da falle. Il problema dei 40 milioni di carte USA a rischio, anche se su un totale di miliardi di carte in circolazione, è un segnale importante e allarmante allo stesso tempo”. Per il presidente Adusbef occorre quindi una “maggiore trasparenza” da parte di banche e società di carte di credito.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Mastercard: 40mln carte a rischio