Matematica: incubo per 408 mila studenti

Fioroni ha infatti convocato, per la prima volta a Viale Trastevere, il Comitato Scientifico della Matematica, composto da 29 esperti, presieduto dal prof. Edoardo Vesentini, docente di Analisi Matematica al Politecnico di Torino e coordinato dal prof. Mario Girardi, preside della Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali dell’Università degli Studi di Roma 3. "Stavolta ai matematici è chiesto di risolvere un problema che rischia, fra l’altro, di precludere ai ragazzi italiani la possibilità di competere con i loro colleghi europei – ha dichiarato il Ministro -. Un’altra causa di questa grande lacuna è il generale abbassamento della competenza linguistica. Più volte ho sollevato il problema dell’impoverimento del linguaggio provocato anche dal tipo di offerta del mezzo televisivo"."Occorre agire in più direzioni – ha proseguito Fioroni -: riuscire a destare la curiosità e la voglia di apprendimento dei ragazzi nei confronti delle materie scientifiche, ma anche aggiornare i docenti e ripensare alle modalità con cui vengono formati. Dagli esperti mi aspetto che, mentre si accingono a risolvere i sette enigmi della matematica ancora irrisolti, trovino anche il tempo di risolvere questo ottavo che per noi è anche il più importante: come far capire, studiare e piacere la matematica ai ragazzi". Il problema della matematica riguarda tutti gli studenti italiani: Nord (44,5% degli studenti con debito, 90.000 alunni), Sud (41,7%, 124.000 alunni), Centro (44%, 79.000 alunni) e isole (44,1%, 55.000 alunni). Questa invece la situazione dei debiti in matematica nell’anno scolastico 2006/2007, divisa per tipologia di studi: 129.000 negli istituti tecnici, 104.000 nei licei scientifici, 80.000 negli istituti professionali, 39.000 nei licei classici.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Matematica: incubo per 408 mila studenti