Maturità: è il momento della prova orale

Fondamentale è una buona conoscenza delle materie studiate durante l’anno, così come utile può rivelarsi la padronanza della lingua. I punti degli orali andranno ad aggiungersi a quelli ottenuti nelle prove scritte, la cui somma può arrivare fino a 45 (da 0 a 15 punti per ciascuna delle 3 prove). Da segnalare inoltre che a ciascuna delle prove scritte giudicata sufficiente non può essere attribuito un punteggio inferiore a 10.Quest’anno, gli studenti possono poi accedere ad un bonus di 5 punti che può essere assegnato dalla Commissione in aggiunta al voto finale, a condizione che il candidato abbia un credito scolastico di almeno 15 punti e un risultato complessivo nelle prove d’esame di almeno 70 punti. Novità assoluta per la sessione d’esame del 2007, in osservanza di quanto stabilito dalla legge n. 1 dell’11 gennaio 2007, è l’attribuzione della lode ai candidati che all’esame finale avranno conseguito il punteggio massimo di 100 punti senza fruire del bonus integrativo dei 5 punti. Questa novità è solo la prima di una lunga serie di modifiche attese per la maturità 2008/09.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Maturità: è il momento della prova orale