Mazda6 MPS. Tifone giapponese

Grazie alla
trazione integrale e un motore benzina sovralimentato da 260 CV, quest’automobile
punta ad inserirsi in un mercato molto difficile ed altamente concorrenziale.
Dirette rivali saranno infatti  le poderose auto derivate senza mezzi
compromessi dal mondo Rally, prime fra tutte la Subaru
Impreza e la  Mitsubishi
Lancer Evo. Per nulla intimoriti, ingegneri e digners Mazda hanno deciso
però di creare qualcosa di nuovo, un prodotto capace di rosicchiare percentuali
di vendita alle concorrenti ma anche e soprattutto di aprire il mercato delle
supersportive a nuove fasce di acquirenti. Mazda6
MPS nasce infatti con un disegno caratterizzato da una etrema pulizia formale,
molto differente dalle altre rally style. Pur non utilizzando ali ed appendici
aerodinamiche “sproporzionate” tipiche di questo settore, l’appeal di
quest’auto è decisamente accattivante e spiccatamente sportivo. Riconoscibile
il nuovo frontale, caratterizzato da una mascherina dal profilo più marcato e
personale, dal cui disegno nascono e si allungano fino al cofano grandi
nervature. Linee muscolose che insieme alla grande presa d’aria anteriore, ai
passaruota allargati per accogliere i grandi cerchi da 18″ e alla
ricercatezza dei paraurti offrono un’immagine complessiva grintosa ma elegante.
Particolarmente suggestivo il posteriore, dove una coppia di scarichi cromati e
leggermente inclinati verso l’esterno trovano posto in due inserti colore nero.
Meno importanti le modifiche nell’abitacolo. Anche l’interno della nuova Mazda6
MPS mantiene una certa sobrietà, nonostante l’adozione di sedili sportivi e
particolari cromati, come la pedaliera e il pomello del cambio. Notevole invece
l’incremento della potenza del motore da 2300 centimetri cubici già adottato
dalla versioni “normali”. Grazie all’iniezione diretta e al
turbocompressore ora sviluppa ben 260 CV, con una coppia massima di 380 Nm a
3000 giri. Soli 6,6 i secondi impiegati dalla Mazda6 MPS per raggiungere i 100
Km/h e 240 Km/h la velocità massima. Per la trasmissione è utilizzato un
preciso cambio manuale a sei marce. Molto avanzata la gestione della trazione
integrale, caratterizzata da una ripartizione attiva capace di migliorare le
prestazioni dinamiche dell’auto ed utilizzabile con diverse formule: normale,
sportiva o neve. Tra gli altri interventi importati c’è quello sull’assetto,
ora molto più rigido grazie a nuove molle e all’utilizzo di barre
stabilizzatrici con diametro più ampio. Come anticipato il modello sarà in
vendita dal 2005 con un prezzo ancora da definire.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Mazda6 MPS. Tifone giapponese