Menagement del dolore post-operatorio sul palco del Concertone del Primo maggio ed è censura

PrimoMaggio_jugo.it

«Andiamo in nero?» sfuma e spot. Si conclude così la performance della band di Lanciano Menagement del dolore post-operatorio sul palco del Concertone del Primo maggio a San Giovanni. Nel bel mezzo della loro esibizione, lo staff e la regia dell’annuale concerto dedicato ai lavoratori il giorno della loro festa decide di interrompere la diretta mandando la pubblicità e bloccando di fatto il concerto della band abruzzese. Cos’è successo di così grave da scatenare una censura da parte della Rai?

Il frontman della band Luca Romagnoli, è salito sul palco con pantaloni e cappuccio da giullare. Prima di attaccare con il loro brano di apertura, Romagnoli ha tirato fuori dal taschino unpreservativo e, simulando i rito dell’eucarestia, ha detto: «Questo è il budello che uso io, che toglie le malattie dal mondo. Prendetene e usatene tutti, fate questo, sentite a me», dopo di ché si è tolto il cappuccio svelando una chierica simile a quella di San francescoPoco dopo questo gesto dalla regia si sente chiamare “il nero” e mandare la pubblicità.

 Marco Godano, organizzatore del Concertone,  si è subito dissociato dal gesto della band abruzzese per “la violenza e la scorrettezza che perseguiremo anche per vie legali”. Se inizialmente la band abruzzese ha chiesto scusa per aver urtato la sensibilità di qualcuno spiegando che il loro unico intento era quello di sensibilizzare i giovani all’uso del preserativo, successivamente hanno cambiato registro affermando che : ” Fra le varie critiche che ci sono state rivolte, siamo stati definiti come i soliti idioti. Forse non saremo i soliti, ma in parte idioti lo siamo”. E proseguono spiegando che essendosi chiesti se esporre un preservativo sul palco del Primo maggio sarebbe potuto essere offensivo la loro  risposta è stata: “ Ci siamo detti idiotamente: no”; ironizzando dunque sull’appellativo che è stato rivolto loro.

Con quanto accaduto ai Menagement del dolore post-operatoio, la memoria non poteva non tornare al 1991 quando anche Elio e Le Storie Tese (ironicamente sul palco quest’anno con una canzone che prendeva in giro proprio il Concertone) vennero censurati con una brusca interruzione a causa del contenuto della loro canzone che elencava una serie di parlamentari coinvolti nel processo Mani Pulite.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Menagement del dolore post-operatorio sul palco del Concertone del Primo maggio ed è censura