Meno calorie per un cuore giovane

La particolarità dell’esperimento di Fontana e della sua equipe consiste nell’aver rivelato gli effetti di una dieta ipocalorica sull’’invecchiamento del cuore. Sino ad oggi, infatti, i benefici di una dieta povera di calorie erano noti soprattutto per quel che riguardava gli animali da laboratorio. Grazie ai risultati ottenuti con questo nuovo esperimento, i ricercatori hanno dimostrato che l’assunzione di alimenti con calorie "vuote", ovvero prive di vitamine e sali minerali, è possibile rallentare il naturale invecchiamento del cuore umano. Dopo aver sottoposto un campione di 50 volontari sani, poi divisi in due gruppi, ad un’attenta osservazione delle abitudini alimentari, Fontana e gli altri ricercatori hanno quindi potuto concludere che una dieta equilibrata e completa, ma al contempo ipocalorica, giova alla salute del cuore. "Il cuore di chi pratica un regime equilibrato di restrizione calorica (CR) – afferma Fontana – è più giovane, elastico ed efficiente di quello di persone che seguono una tipica dieta occidentale caratterizzata da un elevato apporto calorico." Sempre lo studioso ha poi sottolineato che tali benefici potrebbero essere paragonati ad una riduzione dell’età cardiaca pari a circa 10-15 anni.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Meno calorie per un cuore giovane