Meno figli, donne scelgono il lavoro

Si tratta di un trend tutto italiano, in quanto le altre donne europee diventano mamme, in media, tra i 26 ed i 30 anni. Una "scelta di vita" che si riflette poi sul tasso di natalità, dove si registra una media di 1,26 figli per donna. Nella speciale classifica europea delle mamme più giovani troviamo in testa quelle portoghesi e austriache, con il primo figlio 26 anni e mezzo, mentre la media di paesi come Spagna e Gran Bretagna si attesta intorno ai 29 anni. Questi dati non potevano che riflettersi sul numero di figli unici, passati dal 17% per le mamme italiane nate negli anni ’40, al 50% per quelle dalla metà degli anni ’50. Secondo l’indagine, la scelta di avere un solo figlio è frutto di diversi fattori. Oltre al parto in "età avanzata", infatti, la nascita dei eventuali fratellini sarebbe condizionata dalla volontà di non avere bambini nei 2 anni successivi alla prima gravidanza (60%), ma anche da fattori economici (18%) e dagli impegni personali e lavorativi (17%). Emanuela Baio Dossi, esponente della Margherita e tra i curatori dell’indagine, ha dichiarato: "La gravidanza non si vive più come un fatto naturale, ma come una scelta su cui gravano una lunga serie di fattori, come la mancanza di sicurezza economica e la precarietà del lavoro". Un esempio su tutti, evidenzia la Dossi, è quello delle lavoratrici atipiche e autonome dove "la gravidanza viene considerata, dal punto di vista professionale, come una mancanza".

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Meno figli, donne scelgono il lavoro