Michelle Ferrari: Volevo essere Moana

All’anagrafe Cristina Ricci, Michelle (così ribattezzata per la somiglianza con la Hunziker) è da poco sbarcata in libreria con "Volevo essere Moana". Si tratta di una sorta di autobiografia costruita come un romanzo, grazie al quale Michelle racconta la sua vita vissuta sulle colline liguri, la sua crescita alla scoperta dei piaceri della vita e del sesso..Ciò che emerge è l’immagine di una ragazza senza troppe inibizioni, disinvolta nei confronti della vita e del sesso. Un modo di pensare che nasce proprio da ciò che le ha trasmesso sua mamma, una donna capace di vivere appieno la sua femminilità nonostante un divorzio e due figlie da crescere. Il suo libro "Ho trovato il punto G nel cuore" (Alba Latella), romanzo a sfondo erotico con diverse note autobiografiche, ha dato l’impulso alla scrittura anche a Michelle. I due libri sono così finiti,in contemporanea, in libreria a fine settembre per un caso letterario davvero particolare. "Scrivere è stata una splendida esperienza – racconta Michelle – dalla quale non mi aspetto nulla. Mi piace ricevere le gioie che la vita mi mette a disposizione, affrontando ogni novità ed ogni situazione con entusiasmo. Il resto ha poca importanza".

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Michelle Ferrari: Volevo essere Moana