Microsoft: la campagna antipirateria

Stando ai dati diffusi da Microsoft, le regioni italiane "sotto osservazione" nel mese di novembre sono state sei: Puglia, Piemonte, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Liguria e Campania. Il tasso medio di pirateria registrato al momento è pari al 21%, con alcune "punte di eccellenza" come Liguria e Friuli Venezia Giulia. Preoccupante, invece, la realtà della Campania, che registra un tasso di pirateria del 46% e che già in occasione di passate indagini condotte da Microsoft si era posizionata tra le Regioni con la più alta frequenza di comportamenti illeciti. Va ricordato che il fenomeno della pirateria ha un impatto estremamente negativo sull’intero ecosistema IT italiano, che a causa dell’elevato tasso di comportamenti illeciti nel nostro Paese (pari al 50%) presenta preoccupanti fenomeni quali il microdimensionamento aziendale, l’elevata mortalità imprenditoriale e lo scarso contributo del settore a livello macroeconomico. La campagna avviata da Microsoft intende contribuire alla riduzione di tali fenomeni, non limitandosi esclusivamente a contrastare i comportamenti illegali ma offrendo ai rivenditori la possibilità di beneficiare di un programma specifico che consenta loro di sviluppare il proprio business in modo legale. "Crediamo fermamente nella necessità di contrastare il più possibile il fenomeno della pirateria – ha commentato Pierpaolo Taliento, Direttore Business & Marketing di Microsoft Italia -, la reazione dei nostri partner a questa iniziativa ci conferma che stiamo procedendo nella giusta direzione: la tutela della competitività del canale onesto è stata infatti una delle principali richieste avanzate da coloro che, a seguito dei controlli, ci hanno contattato".

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Microsoft: la campagna antipirateria