Milan ammesso alla Champions League

Sarebbe quindi una sorta di "carenza" a livello di legislativo a far sì che il Milan, passati i due gradi di giudizio in Italia, arrivi ai preliminari di Champions. Lo stesso Emergency Panel dell’UEFA ha poi voluto chiarire che "l’ammissione è lontana dall’essere stata presa con la massima convinzione" e che "saranno presto fatti i necessari cambiamenti al regolamento". Sempre la commissione della UEFA ha poi fatto intendere che il Milan sarà un vero e proprio osservato speciale e che non esiterà a prendere provvedimenti nel caso la società rossonera risulterà coinvolta in altre vicende che possono influenzare l’andamento di un match. Non manca, inoltre, la questione "di immagine": dalla memoria difensiva, secondo l’EP, il Milan non avrebbe infatti ancora compreso di aver creato un danno all’immagine al Calcio Europeo.Il commento dei rossoneri è invece affidato all’avvocato Cantamessa: "Dal mio punto di vista non c’erano alternative a tale decisione in mancanza di norme specifiche. Essere sottoposti una seconda volta, per lo stesso fatto, ad una sanzione disciplinare violava un principio generale comune a tutti gli ordinamenti". "La decisione di valutare fino in fondo la nostra posizione da parte dell’Emergency Panel – commenta l’avvocato – non ci ha infastidito, semmai ci ha tolto serenità perchè essere appesi ad una decisione non è mai particolarmente simpatico”.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Milan ammesso alla Champions League