Milano Moda Uomo parla italiano

Ad aprire l’evento abbiamo trovato Jil Sander (Prada), mentre la sfilata finale sarà dedicata allo stilista italiano Giorgio Armani, in programma per giovedì 30 giugno. Dopo il debutto a Milano Moda Uomo del gennaio scorso, si confermano inoltre le sfilate di Miharayasuhiro, Menichetti e Denis Simachev. Tra le presentazioni, il calendario prevede il debutto milanese per diversi marchi, tra cui Daks, Gas, Harmont & Blaine e Bruno Bordese-Clone. Ritornano a presentare Grigioperla, John Varvatos e Paul Smith. Nella giornata inaugurale di domenica 26 giugno, oltre a Jil Sander, hanno sfilato tra gli altri Rocco Barocco, Costume National, Dolce & Gabbana, Versace e Dirk Bikkembergs. Rocco Barocco ha portato sulle passerelle un vero e proprio omaggio al made in Italy, presentando abiti decorati con immagini del Colosseo o del David di Michelangelo e testi che recitano "I am very italian boy". Il designer Ennio Capasa, di Costume National, punta invece sulla riscoperta del periodo del primo Rock and Roll, presentando giacche lunghe, pantaloni alla caviglia a vita bassa, l’intramontabile chiodo, anche senza collo, borchiato o addirittura in pelle bianca. La collezione di apertura, quella di Jil Sander, unisce il carattere giovane con una sobria eleganza, una fusione fatta di pantaloni dritti, jeans con il risvolto, camicie a quadretti e polo con collo e risvolti di colore diverso. In chiusura, ricordiamo inoltre l’appuntamento di Giovedì 30 con la sfilata-evento della collezione Alta Moda Autunno/Inverno 2005-06 di Raffaela Curiel.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Milano Moda Uomo parla italiano