Milano: Sexting, l’arte del messaggio erotico

Partecipa al nuovo "giochino" della prostituzione, dell’immagine di sé attraverso MMS. Spogliati e lasciami spiare attraverso l’occhio del cellulare… la Rete ti cattura e si fa bollente, diletto di una generazione viziata nel soddisfare ogni voglia "tutto e subito". Siamo sulla soglia di un reato, già si apre un sipario di infinite possibilità di piacere, tanto che varrebbe la pena difendere la libertà d’informazione.Laura spedisce un messaggio ad Andrea mostrandogli le Mutandine di pizzo nuove, David invia una foto a Serena dove i Boxer ospitano desideri in eruzione, Matteo e Luca abitano lontani ma tutte le sere fanno Cybersex, Massimo è sempre single, ma su cam4 trova amanti virtuali in ogni momento. Il progresso tecnologico ha moltiplicato le realtà aprendo nuove possibilità di comunicazione. Oggi è la Sexting la rivoluzionaria forma di liberazione dal senso del peccato imposto nelle relazioni dalle ultime escrescenze bigotte di una cultura religiosa oppressiva. Una strategia per svelare ciò che nascondiamo sotto il burka del perbenismo o semplicemente un piccolo espediente per dire "vieni più vicino".Mostrarsi è una richiesta di attenzioni per delle verità ormonali e sentimentali che non vanno taciute né represse nel loro fiorire. Le istruzioni per l’uso alla vita, regalate dalle generazioni precedenti, risultano sempre fallate ed il disagio esistenziale è reale quanto l’incalzare del numero di suicidi. Ultimo messaggio d’addio nella casella di aggiornamento dello stato d’umore su twitter. Esiste un flusso che ci collega tutti come una "memoria archetipica" del terzo millennio. Anche il bisogno d’amore viene postato in internet; navigando non si rischia più d’incappare in un messaggio in bottiglia ma in foto esplicite di nudi adolescenziali.Nel Labirinto di Freud vaga Salvatore Melillo. munito di cellulare o di PC per rintracciare le interazioni sessuali dell’ultima generazione, tramite il Sexting. Rinnovando il ruolo sociale dell’artista nell’avanscoperta dell’avvenire, il pittore Salvatore Melillo esplora la rete, stuzzicandosi fra tettine e altre parti anatomiche disponibili agli sguardi fugaci di chiunque, le classifica come un collezionista di farfalle e col suo agile pennello le riporta in materia pittorica. Coraggioso è il percorso che foto dopo foto, desiderio su desiderio, centimetro dopo centimetro si percorre tra le sue opere ardenti e bramose di raccontare il frenetico mondo delle “voglie”. La delicatezza del bianco nero con cui ritrae mutandine a forma di cuoricino e seni al silicone astrae l’immagine dal tempo inserendola nel calendario delle foto erotiche. Lo scorso secolo si racconta attraverso le cartoline delle bellezze anni ’30, le foto delle amanti strette al petto dai soldati e i ritratti fotografici prematrimoniali spediti agli immigrati oltreoceano… oggi le sexting e domani? L’Arte porta in superficie il lato nascosto della vita purificandolo in un’aurea di magnificenza, Francisco Goya e Salvador Dalì e molti altri artisti in ogni tempo vengono ricordati per il loro coraggio nell’aprire le porte verso l’ignoto e per aver saputo sciogliere le paure collettive. Navigando sull’onda delle sfumature, anche se solo per un secondo, il sesso rimane comunque amore. Salvatore Melillo propone un gioco interattivo chiedendo "la tua Sexting" per farne materia d’arte. Inviando un autoscatto si può partecipare all’esposizione che sarà visibile a Milano, presso la galleria Famiglia Margini, dal 5 al 30 ottobre 2010.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Milano: Sexting, l’arte del messaggio erotico