Milano: Sironi. Gli anni ’40 e ’50

Sono raccolte tutte le principali opere degli anni quaranta e cinquanta (tra il 1942-43 e il 1961), tra cui i paesaggi urbani degli anni Quaranta, la serie delle figure inginocchiate e dei temi sacri, le figure ultime e le Apocalissi.Il tema principale della mostra è lo stesso con cui la sua pittura quasi si identifica, ma che negli anni trenta aveva praticamente abbandonato: il "paesaggio urbano". La differenza più evidente, rispetto ai paesaggi urbani degli anni venti (il ciclo numericamente più folto e significativo del tema) è proprio nel disegno che tende in alcuni punti ad allentare i contorni, nella pennellata più materica che macchia il cielo con pesanti ditate di colore e a volte trasforma il motivo della fila di finestre in una gocciolante punteggiatura, suggerendo la concretezza, ma anche la vulnerabilità, delle cose. A questi paesaggi urbani si affianca, però, un mondo in frantumi, con agglomerati frananti che culminano, alla fine, nella rivelazione di una catastrofe cosmica.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Milano: Sironi. Gli anni ’40 e ’50