Mio fratello è figlio unico: torna Scamarcio

Tratto dal romanzo "Il Fasciocomunista" di Antonio Pennacchi, "Mio fratello è figlio unico" racconta la storia di Accio (Elio Germano) e di suo fratello Manrico (Riccardo Scamarcio).

Il primo è la disperazione dei suoi genitori, scontroso e attaccabrighe, un istintivo col cuore in gola che vive ogni battaglia come una guerra. Manrico è invece bello, carismatico, amato da tutti, ma altrettanto pericoloso… A caratterizzarli è il fatto che, nel contesto della provincia italiana degli anni ’60 e ’70, i due giovani corrono su opposti fronti politici. Come se ciò non bastasse, amano anche la stessa donna. Con tali ingredienti, i due giovani si trovano ad affrontare, in un confronto senza fine, una stagione fatta di fughe, di ritorni, di botte e di grandi passioni. "Mio fratello è figlio unico" è quindi un racconto di formazione dove sfilano quindici anni di storia d’Italia attraverso le avventure di Accio e Manrico, due fratelli diversi, ma molto meno di quanto si potrebbe pensare…

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Mio fratello è figlio unico: torna Scamarcio