Moda: Pitti Immagine Uomo

In crescita sia i compratori italiani, sia quelli esteri, che ormai rappresentano oltre il 35% del totale. Dati che sottolineano la voglia di ripartire da parte del settore e confermano la sensazione che il mercato della moda abbia finalmente imboccato la via della ripresa. Molti espositori interpellati tra gli stand della fiera a questo proposito, hanno infatti sottolineato il significativo salto di qualità avvenuto a Pitti Immagine Uomo in termini di prospettive economiche. Questi risultati confermano anche la decisione indovinata di anticipare l’apertura del Pitti Uomo da giovedì a mercoledì, all’insegna di una capacità di pianificazione strategica a 360 gradi che unisce in un mix riuscito nel segno dell’efficienza marketing, comunicazione e organizzazione. La costante crescita della manifestazione in mezzo a congiunture altalenanti, rafforzano il ruolo di Pitti Uomo come punto di riferimento a livello mondiale sia per i mercati già consolidati sia per i nuovi mercati che scelgono proprio Firenze come porta d’accesso alle migliori produzioni del made in Italy e ai principali brand internazionali. Un successo testimoniato anche dalla grande copertura mediatica con presenze e servizi delle più importanti testate giornalistiche nazionali e internazionali. Apprezzata in modo particolare la novità di Pitti Immagine Rooms, progetto sofisticato che di volta in volta coinvolgerà luoghi storici di Firenze e che in questa edizione è stata ospitata a Palazzo Corsini sul Prato. Ed è proprio Firenze una delle note più positive dei quattro giorni di fiera: una città che ha accolto i visitatori provenienti da tutto il mondo in modo efficiente: non ci sono stati problemi di traffico e la grande piazza pedonale di fronte all’ingresso della Fortezza da Basso ha rappresentato un gradito polmone ambientale.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Moda: Pitti Immagine Uomo