Mondiali: a Buffon il Lev Yaschin Award

Con questa vittoria, l’estremo difensore azzurro succede nell’albo d’oro al belga Michel Preud’Homme (1994), al francese Fabien Barthez (1998) e al tedesco Oliver Kahn (2002). Per Buffon si tratta di un riconoscimento atteso già prima della finale, arrivata con un solo gol al passivo per gli azzurri, peraltro arrivato su autogol del compagno di squadra Cristian Zaccardo. Il gol su rigore poi subito in finale ad opera di Zinedine Zidane non poteva scalfire quanto di buon aveva fatto il numero uno italiano, artefice di partite in cui ha sfoderato sempre una sicurezza da primo della classe. A tal proposito, impossibile non sottolineare la prestazione fornita da Gianluigi Buffon contro la Repubblica Ceca, dove "Gigi" ha saputo ribattere colpo su colpo agli attacchi dei cechi, dando vita ad una sfida tutta personale con Pavel Nedved, giocatore in passato Pallone d’oro e compagno di squadra dello stesso Buffon nella Juve.Detto di Buffon vincitore del "Lev Yaschin Award", nulla può oggi superare la gioia per la conquista della Coppa del Mondo, la quarta della storia per la nazionale azzurra. E come spesso avviene nelle grandi occasioni, il giorno dopo è quello dell’orgoglio e del ricordo dei piccoli e grandi riti che entreranno nella storia del torneo. Chissà, forse tra qualche anno ci ricorderemo ancora Oddo che taglia il codino ad un Camoranesi seduto in campo al termine di Italia-Francia…

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Mondiali: a Buffon il Lev Yaschin Award