Mondiali calcio: orari partite sono un ostacolo

Realizzato da Ciao.it, portale per il confronto dei prezzi dedicato ai consumatori, il sondaggio ha evidenziato la tendenza diffusa dei capi europei a boicottare le partite di calcio durante l’orario di lavoro. Per la maggior parte dei responsabili aziendali europei, la questione non si pone. Il 53% dei responsabili aziendali europei ha dichiarato l’intenzione di non concedere ai dipendenti permessi per guardare le partite durante la giornata lavorativa. I paesi del sud Europa si dimostrano più sensibili al tifo per la propria squadra: mentre i datori di lavoro italiani sono divisi a metà, in Spagna il 60% guarderà le partite della nazionale con i propri dipendenti. Severissimi i tedeschi, tre su quattro sostengono che non bisogna distrarsi durante il lavoro, così come il 64% degli svedesi e il 60% dei francesi. Eccezione fatta per l’Olanda, che si dimostra invece il paese con i capi più permissivi: ben il 70% lascia che i loro dipendenti guardino tranquillamente le partite anche quando sono al lavoro.Ora dopo ora i pronostici dei tifosi europei si fanno più accesi. Diversa è, però, la loro voglia di acquistare prodotti riguardanti l’evento: il 70% degli europei non ha acquistato, nè acquisterà, nulla per questi mondiali. In paesi come la Francia e la Germania la percentuale arriva addirittura al 90 e 80%. Niente acquisti neanche in Italia, nel paese dei campioni in carica, un italiano su due afferma di possedere tutto il necessario e forse acquisterà qualche gadget se la squadra dovesse avvicinarsi alla finale. In Spagna la situazione è alquanto diversa: malgrado la crisi, il 25% degli spagnoli ha pianificato di acquistare un nuovo articolo di elettronica per godersi al meglio il campionato.Una nota di gossip su mogli e fidanzate dei calciatori: per il 46% degli europei le compagne dei giocatori inglesi sono le più antipatiche, anche per gli stessi sudditi di Sua Maestà! Le nostre italiane, Ilary Blasi Alena Seredova & Co. sono invece le più amate d’Europa. Solo il 10% le ha indicate tra le mogli da non frequentare. I risultati della ricerca hanno anche rivelato che il 40% degli europei è interessato alla Coppa del Mondo. In paesi come l’Italia (49%), la Spagna (66%) e la Germania (41%) il calcio viene preso in modo molto serio e, anche se non molto interessato, un cittadino su tre guarda comunque le partite durante i mondiali. In Francia e Svezia la cosa non preoccupa affatto, il 42 e 43% dichiara infatti di non essere interessato al calcio e di non avere alcuna intenzione di guardare i Mondiali in Sudafrica.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Mondiali calcio: orari partite sono un ostacolo