Moto e scooter per un cervello sveglio

Proprio i benefici derivanti dallo stato di continua attenzione richiesta da moto e motorini sono stati dimostrati dall’Università di Tohoku attraverso uno studio realizzato in collaborazione con la Yamaha, importante Casa motociclistica del Sol Levante.I ricercatori hanno preso in esame un campione di 21 soggetti, la cui attività cerebrale è stata tenuta in osservazione relativamente alle aree associate alla memoria e alla concentrazione. Ad una parte di loro è stato chiesto di guidare con regolarità la moto per circa due mesi. Al termine di questo periodo, i motociclisti si sono dimostrati più abili degli altri in quiz di matematica e logica o che comunque esigevano particolari abilità in termini di memoria e concentrazione.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Moto e scooter per un cervello sveglio