MotoGP: a Jerez vince Pedrosa su Rossi

Completano, nell’ordine, le prime dieci posizioni: Nicky Hayden, Loris Capirossi, James Toseland, John Hopkins, Andrea Dovizioso, Shinya Nakano e Chris Vermeulen. Con Pedrosa vincitore in casa e al comando della classifica generale piloti, è però Valentino rossi a far parlare di sè. Il merito è di una straordinaria vitalità ritrovata, più forte anche delle gomme Bridgestone che quest’anno stentano ad entrare in forma tanto da costringere i centauri che si affidano al fornitore giapponese a fare gli straordinari.Proprio per questo motivo, il secondo posto di Valentino vale oro. Al centesimo podio della carriera, Vale ha dichiarato: "Sono molto contento di essere salito sul podio, anche perché nonostante non siano passate molte gare dall’ultima volta, sono comunque passati troppi mesi! Sono anche molto soddisfatto di aver raggiunto quota 100 podi in MotoGP. Magari potrò arrivare anche a 200!". Poi sulla gara di Jerez: "E’ stato un peccato non essere riusciti a vincere oggi, e forse ho avuto un po’ troppa cautela all’inizio perché non volevo rovinare le gomme, ma alla fine le Bridgestone hanno lavorato molto bene per l’intero arco della gara, e ciò depone a nostro favore per il futuro. Vincere, ovviamente, è sempre meglio, ma dopo il risultato del Qatar questa è una seconda posizione importante"."Ed è importante – conclude Rossi – anche perché è il primo podio con le Bridgestone. Devo ringraziare la squadra, Yamaha e anche Bridgestone perché abbiamo fatto molti progressi questa settimana, continuando a migliorare con piccole ma importanti modifiche, anche dopo il warm-up della mattina. La moto e le gomme hanno lavorato molto bene, siamo terzi nel mondiale con ancora molta strada da fare, ma posso dire di essere fiducioso".

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > MotoGP: a Jerez vince Pedrosa su Rossi