MotoGP: a Misano un Rossi da record

Alle spalle di Rossi si è piazzato il suo compagno di squadra Jorge Lorenzo, tornato sul podio per regalare al team la seconda doppietta stagionale. Poca soddisfazione invece in casa Ducati, che si deve accontentare del terzo gradino del podio conquistato da Toni Elias con una moto non ufficiale. Casey Stoner, all’ottavo dei 28 giri, ha infatti perso la prima posizione in gara a causa di una scivolata che lo ha costretto al ritiro.

Al momento della caduta, Valentino Rossi occupava la seconda posizione e stava recuperando parte dei 3 secondi di distacco accumulati dopo una partenza non perfetta che lo ha costretto alle spalle di un più lento Dani Pedrosa. Il resto della gara ha visto il marchigiano impegnato ad affrontare con determinazione la natura molto tortuosa del circuito, fino alla bandiera a scacchi e ai festeggiameti dei numerosissimi tifosi che hanno invaso il circuito. Ora Rossi guida la classifica a più 75 da Stoner, con un massimo di 125 punti ancora a disposizione.

"Oggi è veramente un giorno fantastico – ha commentato Valentino al termine della gara – ancora non riesco a credere di aver raggiunto il record di Agostini! Era uno dei miei eroi, è incredibile averlo eguagliato con 68 vittorie. Grazie al mio fantastico team, alla Bridgestone e ovviamente mi congratulo anche con Jorge; oggi mi ha costretto a spingere fino alla fine, non mi sono potuto rilassare per neanche un minuto! È un grande giorno per tutti noi".

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > MotoGP: a Misano un Rossi da record