MotoGP: in Qatar per la prima notturna

Correre sotto la luce di potenti riflettori rappresenta una novità assoluta per l’affezionatissimo pubblico della MotoGP, pronto ad applaudire le capacità dei piloti che hanno potuto provare queste particolari condizioni solamente nella due giorni di test organizzata a fine febbraio. E l’accoppiata da battere, ovvero quella formata da Ducati e Casey Stoner, è già pronta ad affrontare l’inusuale situazione.

Il Campione del Mondo è veloce e soddisfatto del lavoro fatto in Malesia, Australia, Spagna e infine, appunto, Qatar. Più in salita la strada per il compagno di squadra Marco Melandri, finora impegnato a trovare la sua strada, concentrato più sulla messa a punto in assetto di gara che sulla ricerca della prestazione.

Ricordiamo che l’anno scorso, in Qatar, Casey Stoner al debutto con la Ducati aveva ottenuto la sua prima vittoria in MotoGP, diventando il più giovane pilota australiano di sempre a vincere nella classe regina e il primo ad aver conquistato un successo in tutte e tre le classi. Marco Melandri, partito dalla decima posizione dello schieramento, aveva ottenuto un positivo quinto posto.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > MotoGP: in Qatar per la prima notturna