MotoGP: Rossi esalta il Mugello

Con l’asfalto asciutto e un timido sole che tornava a splendere sopra il circuito del Mugello, Rossi è stato protagonista di una brutta partenza – unica nota stonata della gara – che lo ha proiettato dalla terza all’ottava posizione. Nulla di meglio per lo spettacolo, con il sette volte campione del mondo che non ha perso tempo e si è lanciato in una splendida rimonta. Al settimo giro era già secondo, alle spalle di un Pedrosa particolarmente in forma, ma ancora due tornate ed ecco che Valentino ha conquistato la leadership della gara.

Giro dopo giro, il pilota Yamaha è riuscito a mantenere un ritmo di gara insostenibile per tutti i suoi avversari, costringendo Pedrosa ad un distacco di 3.074 secondi sotto la bandiera a scacchi. A chiudere il podio, un po’ a sorpresa, è salito Barros, capace di portare la sua Ducati del Team Pramac d’Antin davanti a quella ufficiale del capoclassifica Casey Stoner. L’ordine d’arrivo ha così permesso a Rossi di rosicchiare parte del distacco in classifica dal ducatista, sempre primo ma ora a soli 9 punti.

"Vincere di nuovo al Mugello – ha commentato Valentino al termine della gara – è un’emozione incredibile e sono davvero contento. È una sensazione fantastica vedere tutto quel giallo intorno al circuito, oggi i fan stavano impazzendo ed è stata una gara eccezionale! Per questa gara ho usato un casco speciale con un grande cuore e penso che oggi abbiamo dimostrato che alla Yamaha di cuore ne abbiamo davvero molto. Per me è un momento davvero grandioso".

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > MotoGP: Rossi esalta il Mugello