MotoGP: Stoner vince anche a Misano

Una vera e propria beffa che costringe ora Rossi ad una rimonta sempre più complicata, dato che si trova ora in seconda posizione con 85 punti di distacco quando rimangono solo 125 punti possibili nelle ultime cinque gare. La vittoria dell’australiano Casey Stoner è comunque giunta al termine di un Gran Premio strano, con il solo leader del mondiale a mantenere fede ai pronostici della vigilia. Anche Pedrosa e Hayden hanno infatti pagato a caro prezzo l’impatto con il nuovo circuito di Misano, con il pilota spagnolo out e quello americano che ha chiuso con una misera tredicesima posizione finale. Dietro Stoner, al traguardo si sono quindi piazzati i centauri della Suzuki Chris Vermeulen e John Hopkins, seguiti dai nostri Marco Melandri su Honda e Loris Capirossi.

Dopo l’ottavo successo stagionale, Stoner ha dichiarato: "Sto vivendo questo campionato ancora gara per gara. Valentino (Rossi) e Dani (Pedrosa) oggi sono stati sfortunati ma in quel momento io ero già davanti e stavo facendo quello che dovevo, con una grande pressione da gestire io stesso. Oggi bisognava mantenere una grandissima concentrazione per non fare errori perché la gara era impegnativa. E’ stata una bella vittoria: ieri non ero così fiducioso di potercela fare ma poi, al momento di uscire per raggiungere il mio posto sullo schieramento di partenza, c’era la consapevolezza di aver fatto un buon lavoro. Infatti è andato tutto per il meglio: sono partito bene e sono riuscito a prendere un bel vantaggio".

Tanta è invece la delusione per Rossi, che dice: "All’inizio ho sentito che le mie gomme non erano in temperatura per cui ho perso un po’ rispetto alla mia posizione in griglia di partenza. Comunque a parte questo mi sentivo bene, stabile, con un buon ritmo e sicuro che le cose avrebbero continuato a migliorare quando fosse aumentata la temperatura delle gomme. Al quinto giro, in frenata ho improvvisamente sentito qualcosa rompersi e lì è finita la mia gara. Il motore era lo stesso che avevo usato nei test di Brno e qui nelle prove e andava abbastanza bene; ancora non sappiamo quale sia stato il problema e quindi dobbiamo aspettare che i nostri ingegneri abbiano il tempo di esaminare la situazione".

"Quando ti accadono cose come queste – prosegue Valentino -, hai solo due possibilità: arrenderti o tornare a lottare e lavorare anche più di prima. Questo è quello che faremo alla Yamaha; io, il mio Team e gli ingegneri, tutti quanti. Abbiamo ancora cinque gare e continueremo a cercare di ottenere i risultati che meritiamo. Ancora una volta Stoner ha meritato di vincere, per cui bravo a lui. Abbiamo ancora molto lavoro da fare prima dell’Estoril".

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > MotoGP: Stoner vince anche a Misano