Nasce l’uomo da tre minuti

Il “three-minute man” è un uomo che, abituato ai moderni standard tecnologici, cerca nella vita di tutti i giorni gli stessi requisiti di una connessione broadband e “always-on”. La ricerca si è svolta tra gli utenti internet che usufruiscono degli ultimi prodotti Hi-tech ed ha scoperto che negli uomini, più che nelle donne, il livello di sopportazione è alquanto basso ed arriva in molti casi ad una forte impazienza. I soggetti sottoposti al sondaggio hanno evidenziato come, sia di fronte ad una pagina web molto lenta, piuttosto che in coda al supermercato, i loro livelli di tolleranza dell’attesa siano mediamente più bassi rispetto alle altre persone. La prova promossa dalla Cable & Wireless prevedeva due fasi, la fila al supermarket ed una telefonata al centralino di una grande azienda, con la rituale musica di attesa del centralino, rivelatasi poi una delle maggiori fonti di irritazione. In entrambi i casi i tempi medi di sopportazione si sono aggirati attorno ai 3 minuti, da qui il termine “three-minute man”. La nuova figura di consumatore di tipo “tutto e subito” sembra rappresentare per le aziende una nuova sfida per il futuro, poiché con la tecnologia che avanza sempre più in fretta non possono rischiare di perdere un bacino di utenza destinato ad una netta espansione. Royston Hoggart, ceo della Cable & Wireless, esprime tutta la sua preoccupazione sul modello “just in time”, poiché per una grande azienda tre minuti sono veramente pochi, mentre al moderno consumatore possono sembrare una vita. 180 secondi possono significare un cliente in più o uno in meno, tutto dipende se si tratta di un “three-minute man”.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Nasce l’uomo da tre minuti