Neverland, Un Sogno per la Vita

J.M. Barrie, interpretato da Johnny Depp, si svela in tutta la sua realtà, quella che si nasconde nella ricerca di un mondo alternativo, una soluzione spesso dettata dall’insoddisfazione della vita reale. Un senso di insoddisfazione interiore o di semplice fuga dai problemi quotidiani, che nel mondo degli artisti riversa tutta la sua forza nella creazione di uno spazio alternativo, un posto che non c’è, ma in cui tutti vorremmo essere: questa è Neverland. Il sogno nasce dalla delusione di Barrie per lo scarso successo ottenuto dalla rappresentazione di una sua commedia teatrale. Proprio tali insuccessi ed un’ispirazione che sembra perduta sembrano gettare lo scrittore nello sconforto più assoluto. Quando anche il matrimonio sembra scricchiolare, a rimanere vicino a Barrie c’è solo il suo divertente impresario, interpretato da un ottimo dustin Hoffmann. A risollevare l’umore dello scrittore arriva però un’amicizia speciale, si tratta di una vedova (Kate Winslet) e madre di quattro figli, per i quali Barrie diventerà come un padre. Proprio la passeggiata nei giardini di Kensington e l’incontro con la famiglia Llewelyn Davies rappresenterà una svolta nella sua vita, una scoperta nuova che rivoluzionerà il suo esistere sino a far rifiorire la sua fantasia che oramai sembrava persa. Le giornate in compagnia dei ragazzi diverranno l’occasione per nuovi e lunghissimi viaggi in un mondo fantastico, vissuto tra racconti e lunghe divagazioni, sino a trovare nella tristezza di Peter ( Freddie Highmore), dei quattro ragazzi il più sconvolto per la scomparsa del padre, la grande ispirazione per una pièce teatrale di grande successo: l’amatissimo Peter Pan. Come nella migliore delle morali però, non si può vivere di soli sogni, sarà infatti la nonna dei bambini (Julie Christie) a far ripiombare Barrie e sua moglie (Radha Mitchell) nella realtà, allontanandoli dai bambini e dalla felicità scovata in un mondo fantastico.Una storia toccante, ma che difficilmente scade in lacrime troppo facili, questo è il merito della preziosa regia di Marc Forster e dell’ispirata sceneggiatura di David Magee, ispirata all’opera teatrale di Allan Knee. Un cast di prim’ordine e la sorprendente prova di Freddie Highmore rendono poi il film davvero convincente sotto tutti i punti di vista. Distribuito da Buena Vista, “Neverland – Un Sogno per la Vita” arriverà nei cinema italiani a partire da 5 febbraio, per risvegliare l’immaginazione degli spettatori. “I bambini non dovrebbero mai andare a letto, si svegliano più vecchi di un giorno”, così parlò James Matthew Barrie.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Neverland, Un Sogno per la Vita