New media e minori: arriva la Carta di Alba

Promossa dalla Fondazione Movimento Bambino in collaborazione con Fondazione Ferrero e con l’apporto di esperti di diversi settori, la "Carta di Alba" propone l’istituzione di un Osservatorio stabile e competente, in grado di monitorare e contrastare i comportamenti criminali e le disfunzioni d’uso di ogni mezzo di comunicazione di massa e della nuova tecnologia.La "Carta di Alba" ribadisce inoltre la necessità di affiancare ad un severo controllo sull’utilizzo e sui contenuti dei new media lo sviluppo di programmi di: educazione e responsabilizzazione al mondo “virtuale” per bambini e adolescenti; alfabetizzazione tecnologica per adulti in modo da superare il "GAP generazionale" che ancora esiste e costruire al suo posto una rete di fruitori responsabili e coscienti delle proprie scelte.I 12 punti della CARTA di ALBA:La tutela dei diritti deve essere pari nel mondo virtuale come nel mondo reale, unicum inscindibile.1. E’ indispensabile rafforzare una vigilanza istituzionale, su base internazionale, che assicuri un costante monitoraggio delle comunicazioni digitali per garantire ai minori un ambiente sicuro.2. E’ fondamentale che le Istituzioni si dotino di siti protetti e agevolmente fruibili dai minori.3. E’ necessario che, sin dalla commercializzazione, le tecnologie digitali contengano indicazioni chiare sui rischi a cui i minori vanno incontro utilizzandole, nonché indirizzi digitali, a cui rivolgersi in caso di bisogno di aiuto e/o per difendersi da tali rischi.4. Occorre promuovere nei programmi scolastici, sin dalla scuola primaria, percorsi di formazione miranti all’impiego efficace e sicuro degli strumenti di comunicazione digitale.5. E’ fondamentale garantire agli educatori di ogni livello un aggiornamento costante sull’utilizzo delle tecnologie digitali.6. E’ auspicabile che gli ISP (Internet Service Providers) adottino tutte le soluzioni tecnologiche e organizzative necessarie a definire un utilizzo sicuro del web da parte dei minori.7. E’ indispensabile che ISP e gestori di telefonia mobile collaborino costantemente con le Istituzioni per favorire il contrasto e la prevenzione degli abusi on line sui minori.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > New media e minori: arriva la Carta di Alba