New Oxford: Podcast parola dell’anno

Nasce così un movimento che si diffonde a macchia di leopardo e che trova il suo pioniere nel veejay di Mtv, Adam Curry. Che sia "Podcast" o "Podcasting" (l’arte del fare Podcast), la parola del 2005 non esprime un’innovazione assoluta, almeno a livello tecnologico, ma la novità risiede nell’usufruire del meccanismo che compie in modo automatico le fasi di download dei contenuti più recenti e nella facoltà di disporre di un proprio palinsesto personalizzabile. Definito dal New Oxford American Dictionary come "registrazione in formato digitale di una trasmissione radiofonica o di un programma simile, resa disponibile su Internet per essere scaricata su un lettore audio personale", il termine "Podcast" si è meritato il premio di "Word Of The Year 2005" proprio per la capacità di diventare di uso comune. Secondo Erin McKean, dell’Oxford University Press, la scelta è comunque stata molto combattuta, così come avviene ogni anno. Tra le curiosità in arrivo nell’edizione 2006 del celebre dizionario di Oxford anche "sudoku" e "bird flu", rispettivamente il diffusissimo gioco di logica di origine giapponese e la temutissima "influenza dei polli", meglio nota come Influenza Aviaria.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > New Oxford: Podcast parola dell’anno