Niente cucina, meglio il ristorante

Il risultato? Per il 31% delle ragazze la paprika altro non è che un frutto tropicale e il culatello, uno dei salumi più celebri e caratteristici, è in realtà un mestolo, per il 38%, e un’offesa indirizzata alle ragazze un pochino troppo “robuste”, per l’8%. L’ignoranza culinaria non si limita alla sola conoscenza dei prodotti, ma anche alle tecniche base della cucina. Il 23% delle ragazze intervistate, attraverso un questionario a risposta multipla, non conosce i passi da seguire per ottenere un semplice soffritto. In barba a mamme e nonne, figlie della prestigiosa tradizione culinaria italiana, le giovani d’oggi sembrano utilizzare la cucina solo per piatti come pasta al sugo, uova strapazzate e, in un caso su quattro, per scongelare e riscaldare i prodotti surgelati. Ciò avviene per il 29% delle ragazze intervistate, mentre le giovani che amano la cucina e si divertono nel preparare golosi manicaretti sono solo un “misero” 17%. Il resto delle ragazze? Semplice, è un vero disastro ai fornelli. Anche agli impacci “gastronomici” esiste però una soluzione: il ristorante. Circa il 73% delle intervistate dichiara infatti di gradire le pietanze cucinate dagli chef, magari accompagnate da una buona bottiglia di vino (25%). In conclusione, si può dire che per le ragazze di oggi mangiare non è solo una necessità, ma un vero piacere (per 6 giovani su 7), soprattutto se i cibi vengono preparati e serviti da altri.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Niente cucina, meglio il ristorante