“No ai nuovi migranti”: la crocianta anti-immigrati del Daily Express

immigrati_jugo.it

IL CASO.  La comparsa sul sito del quotidiano Daily Express di una petizione contro l’immigrazione proveniente da Romania e Bulgaria ha sollevato un vespaio di polemiche nel Regno Unito. I  promotori dell‘iniziativa paventano un’invasione di cittadini  romeni e bulgari determinata dal venir meno dei controlli temporanei sulle migrazioni da questi paesi: un ingresso incontrollato si configurerebbe come “un tradimento nei confronti dei giovani britannici” e un rischio per il welfare e la coesione sociale. Per evitare questo scenario il tabloid londinese invoca controlli severi e restrizioni all’ingresso residenziale.

LE REAZIONI. Le reazioni da parte del mondo politico non si sono fatte attendere: il partito euroscettico United Kingdom Independence Party (UKIP) sul suo sito ufficiale definisce l’iniziativa come “il modo perfetto per i cittadini di far sentire la propria voce”, invitando così i sostenitori a sottoscrivere la petizione.

Sostegno all’iniziativa proviene anche da alcuni parlamentari del Partito Conservatore  che sottolineano la necessità di anteporre gli interessi nazionali a quelli dell’Unione Europea e auspicano il controllo dell’immigrazione proveniente dall’Est Europa.

Sulla questione è intervenuto anche il parlamentare europeo romeno Cătălin Ivan, che, in una lettera aperta indirizzata al quotidiano britannico, chiede l’immediata sospensione dell’iniziativa e depreca “l’immagine negativa e completamente falsa” dei cittadini romeni fornita dalla campagna.

Dal canto suo il Primo Ministro David Cameron sostiene l’impossibilità di applicare delle politiche restrittive all’ingresso dei cittadini romeni e bulgari e che non sussiste la necessità di prolungare ulteriormente le limitazioni attualmente in vigore. Le preoccupazioni dei cittadini britannici sono “fuori luogo” anche secondo il Vice-Primo Ministro Nick Clegg, che, nel corso del suo programma radiofonico settimanale, si è comunque detto consapevole del malcontento.

SCENARI FUTURI. Quale sarà il destino di questa petizione non è possibile determinarlo a priori, ma sicuramente l’iniziativa del Daily Express costituisce una fonte di preoccupazione per la situazione socio-politica di un paese in cui le posizioni euroscettiche sono ben rappresentate e diffuse, come testimoniano sia il dibattito circa l’opportunità di indire un referendum sulla permanenza nell’UE, che il successo elettorale dell’UKIP alle elezioni locali del maggio scorso.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > “No ai nuovi migranti”: la crocianta anti-immigrati del Daily Express