Notturno Bus: commedia noir all’italiana

I protagonisti sono Franz (Mastandrea), autista d’autobus col vizio del poker che continua a sperare nella grande svolta, e Leila (Mezzogiorno), falsaria bella e intrigante. Bugiarda come si conviene ad una truffatrice, Leila viene spinta dal caso verso Franz che, a sua volta, è risucchiato in una lotta spietata per un microchip che può rovinare un personaggio molto potente. Al loro fianco c’è però Matera (Fantastichini), un agente dei servizi segreti amante del jazz e delle buone letture.

In un continuo susseguirsi di situazioni all’apparenza paradossali, la ladra bugiarda e il timido autista di autobus si trovano costretti a fuggire da brutti ceffi. Franz crede però di aiutare una ragazza che si nasconde da un fidanzato tradito e quando capisce in che pasticcio è finito è ormai troppo tardi per tornare indietro. "Notturno Bus – spiega il regista Marengo – è un film corale dove spiccano i personaggi di due trentenni, due tipi solitari e singolari: l’autista di autobus e amante del poker, Franz e la ladra, bella e bugiarda, Leila.

Franz e Leila sono come impigliati nella metropoli nella quale vivono in particolare di notte, tra strade umide e deserte, tra locali ambigui e fumosi. Il loro tumultuoso incontro li metterà di fronte ad una scelta definitiva: continuare a vivere nella città come imprigionati in una ragnatela o trovare il modo di tagliare i fili, di liberarsi finché sono in tempo e di fidarsi finalmente dei propri sentimenti oltre che l’uno dell’altro".

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Notturno Bus: commedia noir all’italiana