Numerosi suicidi alla Foxconn, dove vengono creati i più noti prodotti del marchio Apple

apple_jugo.it

Vi siete mai chiesti come faccia l’azienda informatica statunitense Apple Inc.  ad immettere sul mercato 56 milioni di iPhone all’anno?  I prodotti del marchio Apple altamente innovativi in tecnologia e design come  iPod, iPhone e iPad vengono prodotti in Cina nelle 13 fabbriche della Tai Yuan Foxconn International Holdings, la più grande multinazionale nel settore dei componenti elettronici  che con il suoi  1.200.000 dipendenti  copre il 40% del mercato mondiale. La Foxconn fornisce dispositivi hi-tech come smartphone, schede per computer e televisori anche ad altre aziende di alto prestigio internazionale quali Amazon, Dell, HP, Microsoft, Motorola, Nintendo, Nokia, Samsung e Sony, ma il suo maggior cliente è la Apple.

Dal 2009 nelle fabbriche della Foxconn si sono verificati parecchi casi di suicidi di dipendenti che si sono gettati dai piani alti degli edifici nei quali  lavoravano, per lo più giovani al di sotto dei trent’anni. Nel 2010 ben venti operai si sono tolti la vita, cominciando ad attirare l’attenzione dei media locali, ma ben poche informazioni riescono a filtrare da quelle fabbriche dove gli operai al momento dell’assunzione firmano un accordo nel quale si impegnano a non divulgare notizie all’esterno.

Qualche mese fa una giornalista coraggiosa dello Shangai Evening Post si è introdotta in una delle fabbriche fingendosi un’operaia in cerca di lavoro e alla fine della sua esperienza da incubo ha finalmente reso pubbliche le massacranti e disumane condizioni di lavoro dei dipendenti della Foxconn.

Gli operai della Foxconn lavorano 10-12 ore al giorno senza neanche un minuto di pausa per uno stipendio di circa 130 euro al mese, soggetti a pesante mobbing da parte dei supervisori e in situazioni igieniche ignobili, con l’obbligo di pernottare all’interno delle aziende in dormitori chiusi da grate metalliche, su lerci giacigli in mezzo a immondizia e scarafaggi.

Nel 2010 i vertici della Apple hanno chiesto al loro fornitore di migliorare le condizioni dei lavoratori cinesi, ma un mese fa si sono verificati ancora 3 suicidi più svariati tentativi. La Apple sta cercando di ridurre la propria dipendenza dalla Foxconn affidando la nuova linea di smartphone lowcost, realizzati quasi interamente in plastica, alla taiwanese Pegatron Corporation, già produttrice dell’iPad mini.

 

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Numerosi suicidi alla Foxconn, dove vengono creati i più noti prodotti del marchio Apple