Nuova Opel Astra: la compatta imita le grandi

Troviamo così novità come il telaio "meccatronico" – risultato dell’interazione tra meccanica, elettronica e informatica – un moderno sistema di illuminazione, una telecamera frontale in grado di riconoscere i segnali stradali e un’ergonomia avanzata in fatto di sedili.

Con 4.420 mm di lunghezza, la nuova Astra offre poi più spazio e comfort per i passeggeri anteriori e posteriori grazie a un passo maggiorato di 71 mm. A beneficiarne è anche la linea, proiettata in avanti, con il parabrezza decisamente inclinato, che prosegue in una linea del tetto tronca posteriormente che dona un taglio originale al portellone posteriore. All’interno il design riprende lo stile appena descritto, arricchito con numerosi portaoggetti.

Come per Insignia, la nuova Astra può disporre del sistema di sospensioni adattative FlexRide che si adattano allo stile di guida ed alla velocità con la quale si affrontano le curve, senza dimenticare le tre modalità dinamiche: Standard, Sport e Tour.

Infine i motori, con la Nuova Opel Astra che offre una gamma di 8 propulsori Euro 5 (non tutti destinati al mercato italiano) abbinati, ad eccezione dell’entry level, a un cambio manuale a sei marce. La gamma di motori CDTI turbodiesel include quattro motori common-rail, iniezione multipla, da 1.3 a 2.0 litri con potenza che va da 70 kW/95 CV a 118 kW/160 CV. Tutti sono equipaggiati con filtro antiparticolato F.AP. Tra le motorizzazioni, non manca una versione ecoFLEX con consumi ed emissioni di CO2 contenuti. I quattro motori a benzina da 1.4 e 1.6 litri possono invece contare su potenze che vanno da 74 kW/100 cv a 132 kW/180 cv. Una nuova, unità Turbo "downsized" 1.4 da 103 kW/140 cv sostituisce l’attuale 1.8 aspirato.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Nuova Opel Astra: la compatta imita le grandi